vittima di errore medico

La DIAGNOSI arriva in ritardo? La Asl non sempre deve risarcire

Se la diagnosi arriva in ritardo, non sempre il paziente ha diritto a un risarcimento.

Dovrà dimostrare che l’errore gli ha causato un danno effettivo, e che un intervento tempestivo avrebbe impedito o rallentato l’aggravarsi della malattia, evitando le sue conseguenze.

Lo ha di recente confermato la Corte di Cassazione nella sentenza 514/2020, che ha rigettato il ricorso di un uomo che chiedeva alla propria ASL un indennizzo per un’ischemia diagnosticata con ritardo.

Il tribunale ha sì riconosciuto alla vittima il danno non patrimoniale, ma solo in minima parte, per il peggioramento imputabile alla diagnosi tardiva.

Spiega l’ Avvocato Paola Tuillier di Diritti del Paziente: ” I giudici hanno accertato che l’ischemia avrebbe causato in ogni caso all’uomo un invalidità del 45%. Poiché a causa della mancata diagnosi le sue condizioni si sono aggravate, portando il grado di invalidità al 65%, è stato quindi stabilito che avrà diritto al risarcimento solo per quel 20% di aggravamento”.

In precedenza i giudici avevano già negato al paziente il riconoscimento del danno patrimoniale, chiesto perché non poteva più svolgere il suo lavoro.

“Anche qui la vittima deve certificare che l’incapacità lavorativa è diretta conseguenza dell’intervento ritardato e non degli effetti inevitabili della patologia”

Il diritto al risarcimento scatta invece se la diagnosi tardiva riguarda una malattia terminale e causa un ritardo nella somministrazione delle cure palliative, perché ha privato il paziente della possibilità di alleviare il dolore

Anche tu sei vittima di un errata diagnosi? 
Affidati agli avvocati di Starbene
Lascia i tuoi dati sul nostro sito www.dirittidelpaziente.com verrai ricontattato entro 48 ore


Diritti del Paziente analizza attentamente il tuo caso, valuta insieme al medico legale la sussistenza del danno subito analizzando se il danno è la conseguenza di errori commessi dal medico e/o dalla struttura sanitaria.

Diritti del Paziente si occupa di tutto l’iter risarcitorio: dalla perizia medico legale alla richiesta di risarcimento, privilegiando una soluzione stragiudiziale tramite l’uso di efficaci tecniche di negoziazione.

Se necessario, intraprendiamo azioni legali con l’obiettivo di ottenere il giusto risarcimento senza far anticipare al cliente i compensi dei professionisti fino alla liquidazione del danno. Viene definito insieme a te un accordo scritto in cui si determina una percentuale sul risarcimento che verrà corrisposta esclusivamente a risultato ottenuto.

Chiamaci subito: tel. 06.35497810

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram