somministrazione errata farmaci e diritto al risarcimento del danno subito

Mio marito ha rischiato per un antibiotico

Intervista all’Avvocato Paola Tuillier  di Diritti del Paziente pubblicata sul settimanale “Starbene” gruppo Mondadori.

“Il farmaco gli è stato dato al pronto soccorso, ma il medico non si è informato prima di sue eventuali allergie, e così mio marito ha avuto uno shock”
Margherita, Siena

Il medico del pronto soccorso è responsabile perché, se ritiene necessario somministrare un medicinale, deve chiedere preventivamente al paziente se è allergico a quella o ad altre molecole farmacologiche, annotando sulla cartella clinica le risposta.

Questo dovere spetta anche al medico che interviene dopo un collega, anche se il primo non ha annotato sulla cartella clinica alcuna allergia.

Il sanitario che assiste il malato “in seconda battuta”, infatti, non può fare affidamento solo sulla raccolta dei dati eseguita dai colleghi, perché tutti i medici che entrano in contatto con un paziente devono garantirne la salute in prima persona.

Non basta: a ogni cambiamento di reparto, la raccolta delle informazioni, comprese quelle relative a un’eventuale allergia a determinati farmaci, è fondamentale e va ripetuta: i dati precedentemente raccolti potrebbero essere incompleti.

L’ospedale nel cui complesso vi è anche il pronto soccorso è quindi responsabile di quanto accaduto a tuo marito, perché, accettandolo quale paziente, ha concluso un contratto che doveva garantire cure adeguate allo stato di salute e, quindi, anche una corretta raccolta di informazioni sulle allergie a farmaci (e non solo).

Vittima di errore medico?
Affidati a  DIRITTI DEL PAZIENTE per sapere se hai diritto ad un risarcimento del danno subito.
Lascia i tuoi dati  verrai ricontattato entro 48 ore.
I nostri uffici sono a Genova, Milano e Roma.


Diritti del Paziente analizza attentamente il tuo caso, valuta insieme al medico legale la sussistenza del danno subito analizzando se il danno è la conseguenza di errori commessi dal medico e/o dalla struttura sanitaria.

Diritti del Paziente si occupa di tutto l’iter risarcitorio: dalla perizia medico legale alla richiesta di risarcimento, privilegiando una soluzione stragiudiziale tramite l’uso di efficaci tecniche di negoziazione.

Se necessario, intraprendiamo azioni legali con l’obiettivo di ottenere il giusto risarcimento senza far anticipare al cliente i compensi dei professionisti fino alla liquidazione del danno. Viene definito insieme a te un accordo scritto in cui si determina una percentuale sul risarcimento che verrà corrisposta esclusivamente a risultato ottenuto.

 

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram